Assetto tubeless

La maggior parte delle ruote MTB vengono utilizzate in assetto tubeless. Da qui la necessità della conversione tubeless di un cerchio: niente magia, anzi un’operazione piuttosto semplice ma che richiede attenzione per non cadere nelle insidie che potrebbero comprometterne il buon esito.

Occhio a questi tre punti. Continue reading

Nuovo brand in arrivo

“Somewhere on the way down, things kind of get away from you. You’re not sure exactly where but things are definitely more… blurry. Bushes and trees are smears of brown and green as you hurl yourself downhill. The mechanical sound of cog slipping along chain has gone from hypnotic to frenetic. Cadence is off the charts. A small traitorous part of you is sneakily looking for a soft pile of leaves. But you’ve passed the point of no return and bailing now is not an option, so you go with the flow. You find extra legs and keep pinning it. You whip the bike past trees, over rocks and bank off berms until the scream that was at the back of the throat slowly dissipates. You bottom out and you know that if you could see yourself, you’d be grinning like a maniac. Gradually the outside world and the world inside your head click into sync.

Welcome to the Thrill.”

Da qualche parte in discesa, le cose che ti lasciano da te. Non sei sicuro di dove, ma le cose sono sicuramente più … sfocate. I cespugli e gli alberi sono macchie di marrone e verde mentre ti scendi in discesa. Il suono meccanico del cog che scivola lungo la catena è andato da ipnotico a frenetico. La cadenza è fuori dai grafici. Una piccola parte traditrice di te sta cercando sgangheratamente un morbido mucchio di foglie. Ma tu hai passato il punto di non ritorno e il salvataggio adesso non è un’opzione, quindi vai con il flusso. Trovi le gambe supplementari e continua a fissarlo. Frusta la bicicletta negli alberi, sulle rocce e sui banchi finché l’urlo che si trova nella parte posteriore della gola non si disperde. Ti stai fuori e sai che se potessi vederti, stai sorridendo come un maniaco. A poco a poco il mondo esterno e il mondo all’interno della tua testa fanno clic in sincronia.

Benvenuti nel Thrill.

Corso FOX, c’era anche il mio idolo!!!

MAGO JORGE…

Per chi non lo sapesse lui è una di quelle persone che nella vita bisogna incontrare e conoscere.

15 anni fa, quando io iniziavo a mettere mano sulle bici, non potevo fare a meno di leggere e seguire passo dopo passo i suoi articoli dettagliati di manutenzione, che scriveva sulla rivista di TuttoMTB…

Ancora ricordo la mia prima manutenzione fatta in garage alla mia bici, leggendo tutto quello che scriveva e soprattutto consigliava per migliorarla…

Ho veramente avuto la fortuna di apprendere tanto dai suoi insegnamenti e poi metterli in pratica per me.

Lunedì ero ad un corso di aggiornamento proprio insieme a lui, non ho potuto fare a meno di farci due parole, e mi ha confermato ancora di quanto una persona splendida può insegnarti a lavorare e perfezionarti, ma soprattutto mi ha dato anche una bellissima lezione di vita..

GRAZIE MILLE MAGO JORGE.